venerdì 21 ottobre 2011

il profiterole, ovvero sappiatemi dire se alla piccola damigella sono piaciuti i piccioni con i piselli e le palline....




.......non mi sono ammattita improvvisamente, casomai le matte sono sempre loro, quelle fuori di testa di MenùTuristico e del loro MTC e questo è stato il primissimo indizio che alessandra ci ha generosamente dato per indovinare quale ricetta avremmo fatto questo mese!

naturalmente il panico!!
piccione???
il mio primo pensiero è stato: qui da noi è introvabile, speriamo non sia l'ingrediente non sostituibile!
il secondo invece questo: oddio, non oso pensare cosa si nasconde dietro alla parola "palline"!
il terzo e più scioccante questo: è impazzita anche stefania, dalla montersinite acuta ora è passata ad un'altro virus non meglio identificato!

e si, perchè è alquanto noto che stefania è nostra signora montersino, è sua fedele compagna e leggere di piccioni coi piselli e di palline mi aveva preoccupata per la sua salute!
ma non avevo fatto i conti con la vera folle di questo divertente appuntamento mensile, alessandra!!
tutta colpa sua, e mi immagino le risate che si è fatta alle nostre spalle proseguendo con gli "indizi", tutti più o meno sulla falsariga del primo per poi arrivare alla rivelazione....piccioni e piselli non c'entravano (sospirone di sollievo), la ricetta del mese per l'MTC era il ........
ta-daaaaa.........
PROFITEROLE!!!!!






contenta???
neanche un pò!
il sospiro di sollievo è diventato una pacca sulla fronte con un "noooOOO" di contorno!
è un dolce che non ho mai gradito molto, molto vintage, e infatti io che sono vintagissima lo mangiavo in pizzeria dove furoreggiava negli anni '70 - '80 come il miglior dessert del mondo, c'era lui e il tiramisu, i miei dolci meno preferiti in assoluto!

evabbè, dauly, non fare sempre la lamentosa, fai 'sto benedetto profiterole e basta!
ok, dai, andiamo a leggere la ricetta da stefania......ettepareva che montersino non c'entrasse nulla!!!
i bignè devono essere assolutamente, indiscutibilmente fatti con la sua ricetta!

in breve, ho buttato la prima infornata perchè l'errore (scusa stefania) è stato quello di dare le uova a numero, infatti montersino nella sua ricetta le dà a peso, e le mie erano grandi e mi è venuta fuori una pappetta inconsistente che in cottura ha formato un misto fra pancakes-crespelle-spatascio.
in un attimo ho pensato a due opzioni: imbroglio, o li faccio con le mie dosi o li vado a comprare pronti!

ma sono onesta, mi piace troppo sperimentare, mi diverto all'mtc e allora via, riproviamoci pesando le uova...perfetti, le palline sono venute così.....






per la ricetta e il procedimento dettagliatissimo vi rimando al blog di stefania, io vi dico come li ho riempiti.

profiterole alla mousse di amarene e ganache al cioccolato:
per 24 bignè:

130gr di mascarpone
130gr di panna fresca
20 amarene sciroppate (quelle note nel vasetto bianco e blu)

150gr di cioccolato fondente
130gr di panna fresca

montare insieme la panna e il mascarpone, unire a metà montata 3-4 cucchiai di sciroppo delle amarene e una volta ben montato il tutto le amarene tagliuzzate, riempire i bignè usando un sac a poche con bocchetta da 10
scaldare la panna e versarla sul cioccolato fondente tagliato a tocchetti regolari, mescolare fino a scioglierlo bene e far raffreddar, mescolare pochi secondi con una frusta e immergere i bignè uno ad uno con una forchettina o un cucchiaino, se si vuole far prima colare la ganache sulla piramide già formata.







bignè di erbette al forno:
per 36 bignè:

300gr di ricotta
erbette (bietole) o spinaci
parmigiano
sale

per la besciamella:
500gr di latte
50gr di farina
50gr di burro
un cucchiaino raso di sale

lavare e lessare le erbette (non so darvi il peso, vado ad occhio), strizzarle bene e tritarle grossolanamente a coltello (no robot che ne farebbe venire una pappetta),
preparare la farcia mescolando le erbette alla ricotta e al parmigiano aggiunto a manciatine fino a che il composto risulterà ben saporito, aggiungere sale solo se occorre.
tagliare la calotta dei bignè e riempirli col composto, rimettere la calotta e posizionarli sulla teglia sporcata sul fondo con un pò di besciamella, fare uno strato, coprire con la besciamella, spolverare di parmigiano e mettere in forno per 20 minuti.
sarebbe meglio usare una teglia abbastanza larga per fare un solo strato, se dovete farne due  ripetere coi bignè, besciamella e parmigiano.


.....e anche per questo mese è andata, ormai non so più se pensare all'mtc con entusiasmo o terrore, le ultime due volte per me sono state un bel lavorone, spero che la prossima vincitrice ci proponga una bella pasta al burro e parmigiano che così mi rilasso un pò........ma che senz'altro non sarebbe una SEMPLICE pasta al burro e formaggio, in questo gioco non è permesso rilassarsi!!!









30 commenti:

  1. Ti giuro che ancora non ho capito cosa c'entrino i piccioni e i piselli :-D
    Anche io non ho mai sopportato il profiterol della pizzeria, forse perchè sono quasi sempre serviti di qualità dozzinale, con panna nel ripieno e cioccolata finta sopra? Sicuramente la ricetta originale di Stefania avrà un altro gusto, ma il tuo ripieno mi incuriosisce molto, chissà che buono! baci

    RispondiElimina
  2. Anche io non ho mai mai mai avuto una passione particolare per quel dolce tanto annidell'adolescenza!! Ma il profitterol salato è un'idea fantastica e mi ispira tantissimo!

    RispondiElimina
  3. *stella, non li hai ancora fatti? su su, muoversi che domenica è il giorno del dolce!

    *giada, lo preferisco anch'io salato, puoi cambiare anche le farce, coi funghi, con ragù e piselli, al posto dei cannelloni riempi i bignè!

    RispondiElimina
  4. azzo...due versioni??!?!?? ti sei impegnata questo mese!
    Io sono quelli dolci, però voglio ritentare e stavolta bocchetta gigante..a me son venuti bignettini!!!! :D

    RispondiElimina
  5. ti diro' che questi bigne' salati sono una bomba!!!
    mi piacciono davvero tanto quando non sono i soliti bigne' dolci(non che disdegni)
    ciao carla

    RispondiElimina
  6. Ma che bella la versione dei bigné salati. Complimenti per l'idea!!

    RispondiElimina
  7. Dauly, IO TI ADORO. anche se mi licenzieranno per eccessiva e sospetta ilarità davanti al pc. anche perchè se mi giustifico sulla base di piccioni, piselli e palline mi sa che peggioro solo la situazione :-)))
    torno dopo, con calma
    un bacione
    ale
    ps è una citazione di rabelais, dal Gargantua e Pantagruel: in origine, i profiteroles erano palline di pasta choux ripiene di carne :-)

    RispondiElimina
  8. sono da provare i bignè salati ottimi per buffe e anche apericena
    lia

    RispondiElimina
  9. ahaha anche a me al primo tentativo non sono venuti... riprovo nel w-e! mica facile!! :D

    RispondiElimina
  10. Sai che anch'io sono in difficoltà??? da golosa quale sono stavolta sono in crisi tra dolce e salato...aiutooo!!! Complimenti, un post bellissimo
    simo

    RispondiElimina
  11. Wow! Stefania alla fine ha convinto tutti con i suoi bignè!!! Ottime interpretazioni!

    RispondiElimina
  12. Pensa te, io invece li adoro!
    Uno dei pochi, se non l'unico dolce cremoso che mangio!

    RispondiElimina
  13. la versione salata e'meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  14. Mi piaccciono...Nuccio.

    RispondiElimina
  15. *cran, ti ho scritto su fb le misure delle bocchette che ho usato!

    *carla, li preferisco alla grande!

    *lucia, grazie mille!

    *annalisa, è un piatto che faccio da una vita e di solito piace sempre molto. grazie.

    *alessandra, illuminandomi sulla citazioni credi così di essere meno responsabile? nu nu cara, non te la cavi così!
    se ti licenzieranno un piatto di pasta in bianco SEMPLICE qui la troverai sempre!! grazieeee

    *lia, per un buffet si possono fare ripieni di mousse al tonno, al salmone, al cotto, mortadella. le varianti sono tante!

    *monica, poi raccontaci l'avventura, mannaggia all'mtc! ahahah!

    *simo, grazie. dai, fai tutte e due le versioni.

    *stefania, convinta dopo che lo so io cosa le ho detto fra i denti...ahahah!! grazie cara.

    *tizian, o', i gusti non si discutono, nel mondo dei dolci cremosi ce ne sono a decine che prediligo ma il profiterole per me rimane sempre all'ultimo posto, se lo sapevo te ne mandavo una bella porzionciona!

    *mirtilla, grazie carissima.

    *nuccio, telegrafico. stop. ahahahah!!

    RispondiElimina
  16. Dauly!!!!Io invece adoro i profiteroles, è in assoluto il mio dolce preferito, mi sento trasportata in un altro mondo quando lo assaggio...;)
    Vera

    RispondiElimina
  17. tutto strepitosoooooooooo!!! li divorerei da sola!!!

    RispondiElimina
  18. *vera, e vedi come si è diversi, spero ti piacciano anche le amarene sciroppate così hai fatto bingo, la farcia era strepitosa!

    RispondiElimina
  19. Introvabile....il piccione???
    Se vuoi te ne posso spedire una colonia, per noi della zona sarà solo un grande, grandissimo piacere!!!
    Tu sei più grande però, per spirito, per inventiva....e perchè ti riesce tutto cavoli!!!

    RispondiElimina
  20. molto meglio le erbette del piccione! Vedo con piacere che non ti sei data per vinta e che anche questo mese hai giocato alla grande!
    Stefania P&S

    RispondiElimina
  21. *raffy, ne ho di congelati...mando?

    *fabiana, fosse per quello anche la mia è zona di piccioni smerdolenti!
    magari mi riuscisse tutto, dovevi vedere la prima infornata che meravigliosa riuscita! grazieeee!

    *stefania, so' capa tosta, mica potevo darla vinta a montersino, tzè! un bacione e grazie!

    RispondiElimina
  22. è vero, hai proprio ragione! mi ricordo anche io che negli anni 80 erano il dolce preferito a fine pizza, insieme o al posto dell'ananas tagliata tipo cigno (inguardabile!).
    Vogliamo la foto della prima infornata ; )

    RispondiElimina
  23. Ma che ghiottoneria queste "palline" mi piace molto il ripieno alle amarene, assolutamente una chicca e quella ganasce favolosa dove immergere immendiatamente un ditino? Bella anche la versione salata. Semplicemente bravissima, complimenti e buona serata...

    RispondiElimina
  24. Amica mia ma lo sai che passerei ore a leggerti? peccato che il tempo spesso manca e non riesco a passare spesso come vorrei.
    Comunque le tue palline sono bellissime....io tutti i dolci ripieni di panna li farei fuori in un baleno...e la tua versione salata e' incredibile!!!! ti abbraccio fortissimo dolcissima Dauly!!!!

    RispondiElimina
  25. *sere, la prima infornata era da fotografare davvero, non ci ho pensato, ero talmente sconsolata...per non dire altro!!!

    *maria luisa, le amarene le mangio a cucchiaiate, mi fanno impazzire e con il cioccolato, embè, un delirio! grazie e buona settimana.

    *niki, ciao stella, sei sempre tanto dolce e affettuosa, grazie grazie grazie....smuack!

    RispondiElimina
  26. Bellissime entrambe le tue versioni: quella "della foresta nera" con le amarene è geniale, ma è fantastica anche la versione salata.
    Grandissima Dauly e... noooo!!! La pasta al burro e parmigiano per l'MTC no, chissà che varianti occorrerebbe inventare??? :-D

    RispondiElimina
  27. mapi, hai indovinato il nome di questo profiterole, ho dimenticato (come il mio solito) di scriverlo ma avevo in mente proprio foresta nera!
    pasta al burro? spero di non vincere ma se dovesse mai succedere sai che...quasi quasi....ahahahah!!!

    RispondiElimina
  28. ahahaha...anch'io ho il terrore dell'mt....ahahahah...penso che se la prossima vincitrice pensa a pasta burro e formaggio come minimo dobbiamo preparare noi la pasta ( evvabbe'!!) ma anche il burro e il formaggiooooo....

    RispondiElimina
  29. *rosaria, ahahah, mi hai fatto morire, non ero arrivata a pensare a tanto!! nooooo !!!!

    RispondiElimina

articoli correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...